gli inglesi good esempio? no…noi italiani bad esempio!

un articolo.
due pagine.
su la stampa di domenica.
si parla di 1 su 3 bambini sono sovrapeso a torino.
l’articolo inizia con la frase “in inghilterra li chiamano baby-couch, bambini-divano”.
e si dilunga a parlare dei bambini sedentari che non praticano più sport, che mangiano male e che sono a rischio di diventare obesi nell’età adulta.
poi si parla che lo screening medico sportivo offerto dal comune è ormai a rischio (!?!?) perchè ci sono oltre 6 mila bambini da esaminare quest’anno e purtroppo, con il costo di 29 euro a visita) il comune non ha fondi per tutto.
guardate caso che peccato, l’anno scorso c’era ancora l’incentivo di piscina gratis. neanche questo quest’anno.
ah e giustamente il pezzo che mi è piaciuto di più: che dalle statistiche, le mense torinese sono le migliore in italia.
e questo è perchè sto facendo un brevissimo riassunto delle due pagine!
allora, io non saprei se rivolgermi direttamente a chi ha scritto l’articolo (che tanta colpa non ne ha, dal momento che deve scrivere con i dati che li vengono forniti) oppure al comune di torino.
scusatemi la sincera franchezza ma l’unico aggettivo che trovo per descrivere questo articolo è: ipocrita.

intanto sappiamo benissimo che le mense (pubbliche) torinese non sono le migliore in italia! mi propongo personalmente di fare un’inchiesta nelle scuole con gli studenti!! posso anche dire che da quelli che ho già sentito le loro opinioni…non sono le migliore….
passiamo alla reduzione dei costi del nostro presidente della regione nelle mense (le migliore in italia!) di 1/2 euro a bambino al giorno per pasto. quando era uscita questa notizia qualche mesi fa ho propositalmente non voluto commentare pur di non cercarmi confusione.
per tutto , però, ha un limite.
non è di oggi che la situazione “obesità infantile” va male in italia. anzì siamo ormai nei top 5 della lista della comunità europeia.
trovo però sconcertante che il comune, pur di togliersi le responsabilità di dosso, per ovvie mancanze di fondi (che io comunque non ci credo!!!) versi la responsabilità su i genitori citadini, sembrando di essere bravisismi ed impegnatissimi nella causa, inviando una lettera ad ogn’uno con le indicazioni di come migliorare la situazione.
per favore!!!
l’unica cosa che io sono d’accordo con l’articolo (e di consegueza con i fati) è la parte dove si parla di educazione verso i genitori e insegnanti. su quello sono d’accordissimo! infatto è quello che predico!
il tutto alla fine (sia l’articolo siano i fati) sono un contronsenso! solo che ormai non possiamo più far finta di fare i bravi e allarmati ed altretanto impegnati perchè alla fine dei conti non si sta facendo assolutamente nulla per modificare questo quadro che diventa ogni giorno più serio e critico.
gli inglesi, quelli che noi critichiamo con la bocca piena, sono si un esempio di cambiamento e altretanto miglioramento! possono essere gli inventori del termine baby-couch però siamo noi ormai ad essere seduti sul divano a criticare e non fare nulla.

Annunci

One thought on “gli inglesi good esempio? no…noi italiani bad esempio!

  1. Pingback: libro scuolastico o pubblicitario?? | mangia che ti fa bene bimbo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...